Sorrento

Sorrento

La città di Sorrento, da cui mutua il nome tutto il territorio che, arroccato sui Monti Lattari, separa il golfo di Napoli da quello di Salerno, è una meta rinomata del turismo internazionale: adagiata su un'ampia terrazza tufacea a picco sul mare, è un piccolo e tranquillo centro di villeggiatura celebre per le sue ville, gli alberghi, i parchi e i giardini, oltre che per i bellissimi panorami e i caratteristici agrumeti.

Di origine greca, e poi cresciuta sotto la dominazione romana, Sorrento gravita oggi intorno alla piazza Tasso e al Corso Italia (su cui sorge il Duomo), da cui si raggiunge l'affacciata sul mare attraverso un dedalo di viuzze ricche di caratteristici e vivaci esercizi commerciali. Il panorama più suggestivo è quello osservabile dal belvedere della Villa Comunale, che si apre sul porto e su tutto il golfo di Napoli; da qui, una stretta discesa permette di raggiungere gli stabilimenti balneari della Marina Piccola e lo stesso porto, con i collegamenti per Napoli e le principali località della Campania.

La punta estrema della penisola, chiamata Punta Campanella perchè in passato una torre di avvistamento segnalava al suono di una campana le incursioni dei pirati, è separata da Capri (che in tempi lontani era anch'essa collegata alla terraferma) da un breve e turbolento braccio di mare; tutta l'area circostante, da Sorrento sul golfo di Napoli a Positano su quello di Salerno, è oggi un'area marina protetta, custodita dal FAI.

Il versante meridionale del territorio, che prelude alla Costiera Amalfitana, è contraddistinto invece da paesaggi brulli e scoscesi, in gran parte incontaminati, grazie alla minor presenza di nuclei abitati.

Al momento i collegamenti per Sorrento sono offerti da Napoli tramite Alilauro Volaviamare con mezzi veloci e percorrenza pari a 35 min.

Stampa